ABC della Luce a LED

L’illuminazione a LED è nota per l’efficienza energetica e la lunga durata, ma come funziona e come può essere utilizzata al meglio?

L’illuminazione a LED spesso non è molto apprezzata dall’utente generico: considerata troppo rigida, fredda e di scarsa qualità. È diventata invece la fonte luminosa più di moda per la progettazione dell’illuminazione residenziale, grazie alla sua efficienza, alla lunga durata e alla capacità di offrire straordinaria luminosità (se gestita nel modo giusto). Ecco una guida per principianti che vi aiuterà a destreggiarvi nel mondo dell’illuminazione a LED.

Efficienza energetica Qualsiasi nuova costruzione o ristrutturazione importante che richieda un’approvazione edilizia è soggetta alla conformità delle normative edilizie. Parte di queste normative riguardano l’utilizzo dell’energia in modo efficiente nelle proprietà residenziali. Le luci a LED sono efficienti perché sono generano un tipo di luce che non dipende dal calore, a differenza delle lampadine tradizionali a incandescenza o alogene, le quali verranno progressivamente eliminate dal commercio, che ne producono una significativa quantità. Tra le altre fonti efficienti dal punto di vista energetico ci sono le luci fluorescenti, ma il LED è più attraente e versatile per i progetti residenziali e può durare decenni.

Qualità La prima cosa da capire sull’illuminazione a LED è che esiste una differenza significativa tra apparecchi di illuminazione di scarsa qualità e quelli di buona qualità. Si tratta di uno di quei mercati in cui non ci sono soluzioni economiche. Se pagate poco, probabilmente ci sarà un motivo. La qualità delle luci a LED può variare molto in termini di energia prodotta, efficienza, colore della luce e capacità riflettente sui colori, quindi è molto importante analizzarla bene. Una luce a LED di bassa qualità può sembrare gialla, sporca o eccessivamente fredda. Sarebbe opportuno acquistare le luci a LED da un fornitore affidabile, che ci può aiutare a capire cosa stiamo È bene essere disponibili a pagare di più rispetto a una luce al tungsteno/alogena: nella prospettiva a lungo termine, fare un buon acquisto subito vi farà risparmiare parecchi soldi dopo e vi permetterà di godere di più il vostro acquisto.

Confronto tra Chip LED integrate e lampadine LED classiche Esistono due tipi di illuminazione LED: con lampada integrata o con lampadina classica. Un sistema LED integrato è quello in cui la gestione termica e la fonte luminosa sono entrambi integrati nel sistema, quindi non è sufficiente cambiare una lampadina (come si potrebbe fare per il sistema con le lampadine classiche), ma sarà necessario cambiare l’intera struttura. Una lampadina a LED classica, invece, ha lo stesso aspetto di una a incandescenza e viene inserita nella struttura allo stesso modo. Non è integrata e può essere facilmente sostituita.

Scopi diversi, luci diverse Come capire se è meglio utilizzare una luce a LED integrata o una lampadina a LED? Spesso i tipi di illuminazione più decorativi, ad esempio le luci pendenti, sono più adatti per le lampadine a LED tradizionali. I designer di questi tipi spesso pensano più all’estetica che alla gestione termica, quindi le progettano con design tradizionali. In questo caso la strada migliore è quella di scegliere una lampadina classica (di alta qualità). Per le strutture architettoniche per l’illuminazione, ad esempio le luci basse, alte o d’accento, un tipo di LED integrato di alta qualità è la scelta migliore. Mentre la modifica dell’intera struttura sembra comportare più lavoro e l’intervento di un elettricista, le luci a LED integrate spesso possono offrire una qualità della luce superiore.

Durata Una lampadina a LED in stile tradizionale cerca di includere tutto nelle dimensioni di una lampadina classica, mentre il tipo integrato può usufruire di tutta la struttura per la gestione termica. Ciò significa che la potenziale qualità della luce e la durata rendono di più rispetto alla soluzione integrata. Una lampada a LED tradizionale di alta qualità ha un ciclo di vita che va dalle 15 mila alle 30 mila ore, rispetto alle 50-80 mila ore della soluzione LED integrata. Poiché è integrata, e quindi richiede l’intervento di un elettricista per l’installazione, l’affidabilità risulta un punto essenziale, ma i produttori rispettabili offrono garanzie che vanno dai 2 ai 5 anni. Ricordate di dare sempre priorità alla qualità: una lampadina a LED molto buona è meglio di una soluzione integrata di bassa qualità.

Driver Un driver sta a una luce a LED come un trasformatore sta a una luce alogena tradizionale. Questo vuol dire che un driver riduce la potenza di ingresso dell’illuminazione. I driver sono integrati nelle lampadine a LED classiche, ma devono essere inseriti nella parete per quelli integrati. A seconda dell’output delle strutture dell’illuminazione possono richiedere un driver per struttura o essere in grado di condividerne uno se si tratta di sistemi di illuminazione d’accento più piccoli. Studiate prima il numero dei cavi da far passare in una data area. I driver devono essere nascosti, in un posto discreto ma accessibile, di solito entro 10-20 metri dall’ultima lampadina. Meglio controllare comunque le istruzioni specifiche. I driver sono di diverse versioni, a seconda della volontà di accendere o diffondere la luce e del metodo di diffusione che si desidera utilizzare. È meglio sentire il parere di un esperto sulla compatibilità tra i sistemi di illuminazione e i driver per assicurarsi del corretto funzionamento.

Dimmer Bisogna stare attenti al dimmerare i LED perché risulta più complicata rispetto a quelle delle fonti di luce tradizionali. Sarebbe meglio optare per una combinazione già testata di accessori, driver e controllo per evitare ad esempio il lampeggio intermittente e a singhiozzi. Esistono diversi “standard di dimmerizzazione”. Per attenuare armoniosa dell’illuminazione a LED si utilizza solitamente 0-10 V. Lo standard DALI viene utilizzato per soluzioni nel commercio, ma sta diventando comune anche nelle proprietà residenziali perché offre maggiore flessibilità e può semplificare lo schema di cablaggio. Lo standard DMX riguarda solo il colore e consente di controllare singolarmente diversi chip di un sistema in cui è possibile modificarne i colori (rosso, verde, blu e a volte bianco). Ciascun metodo di attenuazione richiede un cablaggio leggermente diverso, quindi è importante decidere prima quale utilizzare. Ascoltate il parere degli esperti sullo standard di attenuazione che fa al caso vostro.

Temperatura Il problema della temperatura (da calda a fredda) della luce è uno dei più comuni sul LED. La temperatura viene misurata in Kelvin e il LED viene offerto in un’ampia gamma, da 1850 K (il colore del tramonto) a più di 8 mila K. Le temperature che superano i 5 mila K sono fredde, tonificanti e aiutano a concentrarsi. La temperatura da 2700 K a 3 mila K è quella che le persone associano con l’intimità. Pensate allo spazio: come verrà utilizzato e come vorrete sentirvi al suo interno. Questo soffitto sospeso è illuminato con un energizzante bianco freddo, ideale per la piscina contemporanea. Ma, mentre qui sembra perfetto, potrebbe non essere adatto a un salotto o a un camera da letto.

Fascio di luce Le luci a LED, sia integrate che tradizionali, vengono prodotti con diverse lenti che variano l’angolazione del fascio di luce. Si può pensare a questo fascio come alla dimensione del cono di luce che viene prodotto. La più piccola, ad esempio 3 gradi, è perfetta per mettere in evidenza un punto focale. Circa 20-30 gradi sono perfetti per i faretti nei soffitti più alti (4-5 metri), mentre 80-120 gradi forniscono una luce più diffusa, adatta per i soffitti più bassi e le nicchie.

Illuminazione integrata Il LED può essere integrato nella struttura di un corpo d’alluminio, anche in modi innovativi, creando effetti impressionanti. È importante che le soluzioni integrate siano di alta qualità. Ricordate di effettuare la manutenzione e di verificare i requisiti di accesso al momento della progettazione. Anche se i LED hanno una durata molto superiore rispetto ad altre scelte di illuminazione, non durano se fate un acquisto errato.

Colore Il LED offre la possibilità di optare per soluzioni divertenti. Le strutture rosse, verdi e blu o rosse, blu e bianche uniscono chip di colori diversi che possono essere programmati su qualsiasi colore desiderato. È anche possibile controllare le combinazioni da un tablet o smartphone: un’esperienza unica per gli appassionati di luci.
 

cosmolux