VeroLAB e Nuki.io: dagli impianti LED agli accessori di domotica e smart home

Nuki.io

Una delle maggiori sfide che l’industria dell’illuminazione ha dovuto affrontare è stata la compatibilità tra i sistemi di controllo, allarmi e serrature di sicurezza centralizzati, e gli apparecchi a LED perché i conducenti avevano bisogno di elettronica speciale. Ora, con i controlli direttamente nel LED, non c’è più questo problema di compatibilità. Ciò sta semplificando l’installazione di un’illuminazione intelligente per i proprietari di case. Fin da subito, gli apparecchi possono essere installati semplicemente sostituendo una lampadina. Rendendo il processo senza soluzione di continuità.

Il crescente interesse degli utenti nel controllare le proprie luci ha suscitato numerose aziende di sistemi di controllo e tecnologia di comunicazione di aprirsi anche al mercato dell’illuminazione intelligente e in erba. Sebbene i LED siano la scelta più importante per i sistemi di illuminazione intelligenti, altre lampade tradizionali come lampade a scarica ad alta intensità, lampade fluorescenti e lampade fluorescenti compatte possono essere utilizzate anche nell’illuminazione intelligente.

Aziende come Nuki.io, che noi di VeroLED abbiamo scelto come fornitore, stanno contribuendo al meglio nelle tecniche di illuminazione intelligente e di dispositivi di sicurezza per le case, in un duplice asset sia con un contributo smart home che tradizionale, per fornire un sistema di illuminazione e sicurezza ad alta efficienza energetica e rendere il paese più intelligente.

Alcuni dei principali prodotti dell’illuminazione intelligente sono le lampadine intelligenti a LED abilitate al Wifi o le lampadine intelligenti wireless Bluetooth. Diverse soluzioni includono l’illuminazione automatizzata controllata dalle applicazioni, gli apparecchi intelligenti telecomandati, le luci con sensori intelligenti e l’illuminazione intelligente esterna.

Sistemi, livelli di integrazione e intelligenza: il caso di Nuki.io

I sistemi di illuminazione intelligenti, come quelli di Nuki.io, possono essere integrati con sensore o senza sensore. Le luci con sensore integrato sono in grado di regolare la luminosità delle luci rilevando automaticamente le persone e la luce del giorno con l’aiuto dei sensori integrati in questo sistema. Considerando che i sistemi di illuminazione integrati senza sensori sono ancora considerati intelligenti in quanto programmabili. A causa del significativo sviluppo e innovazione nelle tecnologie wireless come Bluetooth, Wi-Fi, Li-Fi, ecc., Si prevede che la maggior parte dei sistemi di illuminazione intelligente in arrivo sia wireless, quindi si prevede che il mercato dei sistemi di illuminazione per sistemi intelligenti wireless cresca a il tasso di crescita annuale composto del 23%.

La tecnologia di illuminazione intelligente cablata ha attualmente la quota maggiore e continuerà a dominare il mercato in futuro. Insieme ai prossimi progressi nella tecnologia di illuminazione intelligente senza fili, si prevede di eclissare la quota di mercato della tecnologia di illuminazione intelligente cablata durante il periodo di previsione.

Illuminazione intelligente utilizzata nelle diverse applicazioni

Anche il mercato dell’illuminazione intelligente è ampiamente classificato sulla base dei suoi posizionamenti, ovvero dell’illuminazione interna ed esterna. Il segmento dell’illuminazione esterna comprende piste ciclabili, parchi, strade e parcheggi.

Negli ultimi anni il segmento ha subito importanti trasformazioni con conseguente rapida crescita del mercato. Qui si prevede che i LED cattureranno circa l’85% del mercato dei lampioni durante il periodo di previsione, mentre si stima che il mercato dei lampioni intelligenti raggiunga il 37% dell’intero mercato dei lampioni.

Si prevede che questo sviluppo dell’illuminazione per esterni genererà ampi risparmi nei costi di manutenzione e nell’energia, ottenendo una notevole attenzione sia dal settore pubblico che da quello privato. L’integrazione dei sensori di presenza nei lampioni è diventata un’innovazione rivoluzionaria in quanto consente ai lampioni di funzionare a bassa intensità, risparmiando fino al 40% di energia.

Con la crescente tendenza dell’Internet of Things e delle case connesse (smart home), si prevede che l’illuminazione intelligente per interni residenziali guadagnerà molta popolarità. In diversi paesi sviluppati questa tecnologia è molto richiesta insieme ad altre tecnologie intelligenti, esempio Nuki.io, come telecamere di sicurezza e soluzioni di automazione domestica simili.

Prospettive e scenari futuri

Il settore dell’illuminazione sta attualmente attraversando un’importante trasformazione. Poiché l’illuminazione sta diventando intelligente, non è più solo una questione di prese, interruttori e lampadine. Queste soluzioni di illuminazione intelligente, come quelli di Nuki.io, sono ora integrate con sensori e svolgono varie altre attività come il monitoraggio delle attività umane, bilanciando la domanda e le fluttuazioni di offerta di energia e molto altro.

Questa illuminazione ottimizzerebbe l’utilizzo dell’illuminazione in vari angoli dell’ufficio, come sale riunioni e cabine, e fornirebbe inoltre ai dipendenti informazioni come la densità di persone in una particolare area del posto di lavoro e uno spazio ideale o vuoto nell’ufficio.

Perché il futuro del settore dell’illuminazione è l’illuminazione intelligente

Più di 150 anni fa, gli inventori crearono qualcosa che aumentava la durata della giornata lavorativa media. Ha cambiato il modo di vedere le cose, fare affari e condurre le nostre vite quotidiane. Avendo avuto un impatto su diverse generazioni di persone in tutto il mondo, la lampadina si sta ancora evolvendo e questa evoluzione è stata alimentata dal crescente risparmio energetico e dei costi.

Ad esempio, la classica lampadina a incandescenza a filamento di tungsteno che ha alimentato le case per oltre un secolo è stata sostituita da lampadine a luce fluorescente compatta (CFL), per conservare più energia durante la crisi petrolifera degli anni ’70. Sebbene i CFL salvassero la giornata, erano ingombranti, non si adattavano bene agli apparecchi e avevano prestazioni incoerenti e una scarsa luminosità.

Alimentati dalle innovazioni tecnologiche e dall’inclinazione verso soluzioni di energia pulita e verde, i LED offrono alta efficienza e aiutano a ridurre i prezzi dell’energia. Rispetto ai sistemi di illuminazione tradizionali, i LED hanno un ciclo di vita più lungo, consumano il 50% in meno di elettricità e non richiedono manutenzione. Inoltre, i LED utilizzano il 100 percento dell’energia elettrica per produrre luce rispetto alle lampadine a incandescenza che convertono l’80 percento in calore e solo il 20 percento in luce. Quindi,

L’illuminazione basata su Alexa di Google Home e Amazon, per cui sono compatibili tutti i prodotti Nuki.io, può essere un’interruzione dell’illuminazione intelligente. Anche la prossima grande rottura sarà l’aumento dei lumen per watt a circa 200 – 250 lumen negli apparecchi, il che porterà a drastiche riduzioni del consumo di elettricità.

Non è necessario premere un interruttore

Utilizzando uno smartphone o un dispositivo portatile, gli utenti domestici possono regolare l’illuminazione in base all’occupazione, alla luce ambientale e alla disponibilità di luce diurna, anziché semplicemente premere un interruttore convenzionale, ottimizzando così il consumo di energia.

Oggi i LED intelligenti non possono essere controllati solo da smartphone o tablet tramite WiFi o Bluetooth, ma la crescita dell’IoT residenziale ha favorito l’integrazione di altoparlanti intelligenti e assistenti virtuali per controllare gli elettrodomestici.

Oggi Nuki.io, Alexa su Amazon Echo, Google Assistant su Google Home, Siri su Apple HomePod e Cortana su Harman Kardon-Microsoft Invoke possono controllare l’illuminazione domestica tramite comandi vocali.

Presto, il mercato sarà anche in grado di vedere i gesti e la rilevazione del movimento della tecnologia di illuminazione intelligente, che ridurrà ulteriormente l’interazione uomo-elettrica.

Questo elemento è stato inserito in News e taggato .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses cookies to improve your browse experience. By browsing this website, you agree to our use of cookies.