Come scegliere illuminazione a led giuste per ogni stanza

Come scegliere le lampadine a led

I led sono ormai ovunque. Nati come una tecnologia davvero strana, si sono diffusi, grazie anche all’evoluzione della tecnologia. Una diffusione tale da renderli tra le principali scelte per l’illuminazione nelle nostre case. Ma come scegliere le lampadine a led giuste per ogni stanza?

Led – Un accenno di storia

La tecnologia led ha visto una straordinaria evoluzione nel corso degli ultimi decenni. La sua scoperta è stata decisamente particolare: infatti l’illuminazione a led utilizza un principio decisamente differente da quello della normale illuminazione a incandescenza.

Le classiche lampadine ottengono la propria illuminazione dal passaggio di energia elettrica in un cavo resistente, il quale si scalda e diventa quindi incandescente. I led invece sfruttano le particolari abilità di alcuni elementi, che si illuminano semplicemente per il passaggio di corrente, senza necessità di alcuna resistenza. Ciò ha fatto sì che le luci a led siano più resistenti delle più classiche lampadine.

Proprio queste caratteristiche di resistenza e durata, unite a un basso consumo, hanno reso le luci a led ideali per segnalatori, spie e simili, prima che la tecnologia maturasse al punto tale da fare una forte concorrenza alle lampadine nel loro obiettivo primario, l’illuminazione.

Se infatti negli anni ‘60 sembrava un obiettivo davvero difficile, oggi l’efficienza delle luci a led è tale da averle rese nella nuova tecnologia per l’illuminazione nelle nostre abitazioni, unendo qualità di efficienza, durata e illuminazione.

Finiamo così per tornare alla nostra domanda iniziale: come possiamo scegliere le lampadine a led giuste per ogni stanza?

Come scegliere le sorgenti a led più adatte?

Come scegliere le lampadine a led

Il quesito posto pone una risposta non facile da dare. Questo perché in primis bisognerebbe capire quali sono le caratteristiche delle nostre stanze e quali tipi di illuminazione si sposano meglio con queste caratteristiche: un ampio salone ha bisogno di una illuminazione diversa di uno studio o della cameretta dei bambini.

In primis, la scelta cade su una caratteristica dominante, quella del colore. Oggi possiamo trovare luci a led di ogni colore, per cui dobbiamo verificare che la nostra scelta si accordi bene ai colori presenti nella stanza, a partire dalle pareti e proseguendo con il mobilio. Un esempio: una camera molto chiara gioverà di una luce bianca, piuttosto che una luce gialla. Al tempo stesso una stanza troppo asettica potrebbe richiedere una luce gialla, più calda e accogliente.

Molto dipende anche dal tipo di stanza e dall’atmosfera che vogliamo creare, per cui non esiste una legge di natura, ma segue anche i gusti personali di chi deve scegliere quelle stesse luci. Freddo, caldo, luminoso, accogliente: sono tutte caratteristiche finiscono per entrare in un’ottica di forte soggettività. Non temete quindi di utilizzare i led per esprimere le vostre idee di arredamento!

Oltre al colore è molto importante anche il tipo di effetto da donare alla luce a led: diretta, indiretta e soffusa sono veri e propri modi di intendere l’illuminazione della propria stanza, e anche qui non esiste una legge scritta nella pietra. Divertitevi (anche insieme a un arredatore d’interni) a disegnare casa vostra, a partire da un elemento imprescindibile come la luce.

Addirittura, se saprete davvero imprimere voi stessi e i vostri desideri, potrete ritrovarvi a vivere stanze diverse a seconda che sia giorno o sera: da un lato l’illuminazione del sole inonderà casa vostra, dall’altro la sera lascerà che la vostra personalità riscriva l’aspetto dei vostri ambienti.

Scendendo più nello specifico, infine, va curata in particolar modo l’illuminazione in due particolari aree: quella della tv e quella della lettura. Sembra un consiglio piuttosto banale, ma una luce adatta alla lettura può veramente fare la differenza nell’esperienza del lettore, evitando affaticamento agli occhi e eventuali cali della vista. Molto simile anche quanto può accadere con il televisore, che non deve avere una illuminazione eccessiva per evitare fastidiosi riflessi e difficoltà nella visione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses cookies to improve your browse experience. By browsing this website, you agree to our use of cookies.